NELLA GIUNGLA DEI CONSIGLI ALIMENTARI: QUAL E' QUELLO PIU' GIUSTO? - Cinzia Dalla Gassa
251
post-template-default,single,single-post,postid-251,single-format-standard,ajax_updown_fade,page_not_loaded,,qode-child-theme-ver-1.0.0,qode-theme-ver-7.6.2,wpb-js-composer js-comp-ver-4.6.2,vc_responsive
 

03 Nov NELLA GIUNGLA DEI CONSIGLI ALIMENTARI: QUAL E’ QUELLO PIU’ GIUSTO?

Scegliere cosa mangiare per stare bene sembra essere diventato un’impresa.

O meglio, pare che all’aumentare delle nozioni e delle informazioni a disposizione, aumenti di pari passo anche la confusione.

Siamo ciò che mangiamo. Nulla di più semplice. Il cibo plasma l’efficienza del nostro organismo, il livello di energia, le forme corporee e il benessere in generale.

Come fare per trovare la soluzione alimentare migliore per le proprie esigenze?

Quali soluzioni esplorare? Di chi fidarsi?

Tralasciando alcune fantasiose trovate che sembrano più astuzie commerciali che veri e propri consigli alimentari su base scientifica, ciò che viene suggerito dalle numerose teorie e filosofie alimentari è fondato e può diventare una buona soluzione per le esigenze di qualcuno. La confusione  nasce quando alcune raccomandazioni nutrizionali vengono generalizzate e rese a taglia unica, valide per un pubblico di persone che invece presenta i fabbisogni più svariati. Se sei sano, hai una digestione ottimale e non hai alcuna esigenza particolare, probabilmente quei consigli calzano bene tanto quanto tutti i vestiti one size.

Che fare però quando non si trova il verso giusto? Quando si tenta di cambiare abitudini alimentari e rimangono sempre gli stessi sintomi? O quando i pareri di più specialisti sono tra di loro discordanti?

Quando le informazioni sono tante e i consigli sembrano un po’ giusti e un po’ sbagliati, probabilmente conviene ripartire dalla propria esperienza. Dalla propria storia.  Dalle sensazioni che si sperimentano durante il giorno, prima e dopo i pasti, dalle eventuali reazioni che si manifestano quando si assumono certi alimenti, dal livello di energia che si percepisce durante il giorno.

E’ difficile riscontrare l’effetto diretto di un alimento sull’organismo. Molto più semplicemente, il modo in cui mangiamo condiziona l’equilibrio nutrizionale e, interagendo con altri segnali neuroormonali e neurochimici all’interno di una complessa rete neuroendocrino immunitaria, modula lo stato di salute.

Proprio per questo, per trovare il consiglio alimentare più adatto alle proprie esigenze conviene affidarsi ad una fonte autorevole e alla propria esperienza, per comprendere quali potrebbero esserne gli effetti  sul proprio organismo. Diventando consapevoli e sviluppando la sensibilità di notare quando cambia il livello di benessere a seconda dei modi in cui ci nutriamo.

Pur mantenendo il confronto con un esperto di fiducia quando serve, nel momento in cui scopriamo come migliora il livello di energia e vitalità optando per alcuni alimenti ci avviciniamo ad una potenziale soluzione alimentare ad hoc!